Progetto pilota adattamento ai cambiamenti climatici «Urban Green & Climate Berna: alberi per lo sviluppo urbano adattato al clima»

I nessi tra i cambiamenti climatici e la vegetazione arborea nelle città sono ancora poco esplorati. Nella città di Berna sono stati sviluppati metodi e modelli per la gestione degli effettivi arborei nello spazio urbano che tengono conto dei cambiamenti delle condizioni climatiche previsti.

Situazione iniziale

Gli alberi nello spazio urbano forniscono servizi ecosistemici importanti come il miglioramento del microclima, l’assorbimento dell’anidride carbonica, la ritenzione idrica e lo stoccaggio delle acque meteoriche. Le ripercussioni dei cambiamenti climatici su detti servizi nelle città sono finora praticamente ignote. Lo stesso dicasi dell’impatto del mutamento climatico sulla vegetazione arborea urbana.

Il catasto degli alberi della città di Berna mette a disposizione ampie basi per lo studio dei nessi e comprende dati sulla posizione, l’età e la specie di singoli alberi piantati su suolo pubblico. Stadtgrün Bern, il vivaio comunale di Berna, dispone inoltre di conoscenze empiriche sulle posizioni a rischio e sulla vitalità degli effettivi arborei. Per quanto riguarda gli alberi piantati su suolo privato si dispongono di dati analoghi per singoli esemplari particolarmente degni di protezione.

Obiettivi

Il progetto si prefiggeva da un lato di colmare le lacune conoscitive esistenti, focalizzandosi sulla vulnerabilità degli effettivi arborei urbani ai cambiamenti climatici. Dall’altro, si occupava della rilevanza dei servizi ecosistemici forniti dagli alberi, in particolare la loro funzione quali pozzi di assorbimento di carbonio e l’influsso degli spazi verdi sul clima della città. Gli insegnamenti tratti dal progetto dovevano fornire le basi per una gestione della vegetazione arborea adeguata in vista dei cambiamenti climatici.

Attuazione 

  • Rilevazione di dati climatici da parte di due stazioni di misurazione temporanee situate nei pressi di due parchi, elaborazione di modelli climatici per lo spazio urbano e rurale della città di Berna nonché creazione di cluster di diversi tipi di posizione
  • Rilevamento delle specie di alberi più comuni, studio delle loro esigenze climatiche, accertamento dello stato di salute degli effettivi arborei e individuazione delle specie potenzialmente adatte al futuro clima della città di Berna
  • Analisi del contributo ecosistemico degli alberi, in particolare quello dello stoccaggio del carbonio
  • Messa a punto di misure possibili per uno sviluppo urbano in sintonia con il clima
  • Pubblicazione ed ulteriore elaborazione dei risultati 

Risultati 

Già oggi la vitalità degli alberi presenti nella città di Berna è indebolita o lievemente danneggiata, una circostanza quasi sempre riconducibile all’ubicazione sfavorevole di alcuni esemplari o gruppi di esemplari. Alcune delle specie indebolite, come l’ippocastano comune, il tiglio estivo e l’acero montano, saranno ancora più compromesse dai cambiamenti climatici a venire. Le specie potenzialmente adatte al futuro clima di Berna sono il cerro, l’acer tataricum, l’acero opalo e il carpino orientale. Queste specie sono originarie della Croazia continentale, il cui clima attuale assomiglia a quello atteso per la regione di Berna nel 2080. Il telerilevamento LiDAR ha consentito di stimare laquantità di carbonio stoccato nella biomassa di superficie degli alberi della città a circa 14,9 tonnellate per ettaro.

Inoltre sono state realizzate le schede «Stadtklima und Klimawandel», «Städtische Grünflächen im Klimawandel», «Urbane Baumarten und Klimawandel» e «Stadtbäume für den Klimaschutz». I risultati del progetto sono stati presentati al pubblico interessato nel quadro di visite guidate alla città di Berna nell’estate 2017. 

Conclusioni 

Con l’aumentare delle temperature negli spazi urbani diventerà sempre più importante il servizio ecosistemico del «refrigerio» offerto da spazi verdi e alberi. Gli alberi nelle città svolgono una funzione per lo stoccaggio del carbonio. Altri servizi ecosistemici, quali il miglioramento del ricambio dell’aria, la riduzione della temperatura aerea e l’aumento dell’umidità relativa dell’aria, sono tuttavia più importanti per le città e i suoi abitanti.

Dal progetto è emerso che le specie di alberi potenzialmente utili in questo contesto non possono essere identificate esclusivamente per il tramite della letteratura e di analogie climatiche. Con test pratici si dovrà stabilire empiricamente quali specie sono le più adatte in quali circostanze. Per poter trarre beneficio dalle esperienze altrui, occorre avviare uno scambio intenso tra le città.


Responsabile del progetto: Scuola universitaria professionale di Berna, Facoltà di scienze agrarie, forestali e alimentari

Area pilota: Città di Berna

Durata: 2014 - 2016

Accompagnamento: Ufficio federale dell'ambiente

Contatto

Facoltà di scienze agrarie, forestali e alimentari della Scuola universitaria professionale di Berna                                                                                                                                                                                    Oliver Gardi

oliver.gardi@bfh.ch

Stampare contatto

https://www.nccs.admin.ch/content/nccs/it/home/provvedimenti/projekte/pak/pilotprogramm-anpassung-an-den-klimawandel2/pilotprogramm-anpassung-an-den-klimawandel/progetti-piloti-adattamento-ai-cambiamenti-climatici--cluster--s/progetto-pilota-adattamento-ai-cambiamenti-climatici--urban-gree.html