Rischi e opportunità per il turismo

L'innalzamento del limite delle nevicate pregiudica il turismo invernale, ma al contempo offre opportunità per il turismo estivo. In montagna e nei luoghi esposti, l'atteso aumento di eventi naturali costituisce una sfida. Il mutamento dell'immagine del paesaggio interessa anche le mete turistiche situate a quote più elevate.

La seguente panoramica illustra i principali rischi e opportunità per il turismo naturali sulla base dell'analisi dei rischi climatici della Confederazione conclusa nel 2017. I rischi e le opportunità per le singole regioni del Paese sono trattati nella rubrica Grandi regioni.

Leggenda:

[R] Rischi dei cambiamenti climatici
[O] Opportunità dei cambiamenti climatici
[?] Settori in cui non è ancora possibile una valutazione chiara

[R] Perdite di guadagno nel turismo invernale

  • Diminuzione dell'economicità, in particolare per le località sciistiche situate a quote più basse, dovuta
    • - alla minore durata del manto nevoso e all’accorciamento della stagione sciistica
    • - ai crescenti costi per l'innevamento artificiale delle piste
    • - alla diminuzione del numero di clienti degli impianti di risalita e delle strutture ricettive a causa delle incerte condizioni della neve
    • - al calo della motivazione per praticare sport invernali, se nell'Altipiano manca il paesaggio invernale

[O] Aumento dei proventi nel turismo estivo

  • Durata più lunga della stagione estiva, migliori condizioni climatiche per attività all'aperto
  • Crescente attrattività delle acque di balneazione e delle zone situate a quote più elevate in caso di calura estiva
  • Localmente nuove attrazioni turistiche in alta montagna (nuovi laghi a seguito del ritiro dei ghiacciai)
  • Mediterraneizzazione del clima (minor numero di giorni di pioggia, sere più miti)

[R] Aumento delle perdite economiche a seguito di eventi naturali più frequenti e più intensi

  • Aumento dei danni agli edifici, agli impianti e ai sentieri utilizzati a scopo turistico dovuto a cadute di massi, smottamenti, colate detritiche, scoscendimenti, piene e incendi di boschi; maggiori oneri per la manutenzione delle aree ricreative
  • Danni economici supplementari in caso di temporanea limitazione della raggiungibilità di una destinazione turistica a causa di un evento naturale
  • Percezione negativa della montagna come spazio ricreativo/meta turistica dopo eventi naturali con danni alle persone o danni materiali ingenti

[R] Perdita di attrattività del paesaggio montano

  • Diminuzione dell'attrattività di destinazioni che sono fortemente orientate su paesaggi caratterizzati da ghiacciai e neve

[?] Effetti incerti

  • Aumento o diminuzione dei danni alle aree ricreative (boschi, infrastrutture turistiche) a seguito di uragani

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 22.05.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
Reporting sul clima e adattamento ai cambiamenti

Papiermühlestr. 172
3063 Ittigen

climate-adaptation@bafu.admin.ch
www.bafu.ch

Stampare contatto

https://www.nccs.admin.ch/content/nccs/it/home/settori/turismo/rischi-e-opportunita.html