F.09 Opere idrauliche nel rispetto della fauna acquatica

I pesci sono colpiti in modo particolarmente intenso dal cambiamento climatico, soprattutto nei corsi d’acqua. Quando, ad esempio, i ruscelli e i fiumi vanno in secca, le temperature dell’acqua in estate crescono fortemente o le piene invernali distruggono il fregolo, intere comunità sono a rischio. La frequenza delle situazioni di pericolo è in continuo aumento in questi ultimi anni. L’obiettivo di questo progetto è lo scambio di conoscenze e la presentazione di soluzioni di ingegneria idraulica attraverso un ampio dialogo tra tutti i soggetti interessati, al fine di conservare le specie e le popolazioni ittiche indigene nelle nostre acque. Il progetto riesaminerà inoltre le pratiche di gestione delle autorità e delle associazioni di pesca alla luce del riscaldamento climatico.

Situazione iniziale

L’ingegneria idraulica ha il compito di proteggere le persone e i loro insediamenti dalle piene e di attuare il recupero ambientale. Negli ultimi decenni la protezione è stata realizzata con metodi sempre più rispettosi della natura e del paesaggio. Finora, tuttavia, è stata prestata scarsa attenzione agli aspetti climatici della siccità, della temperatura dell’acqua e delle piene invernali, che sono importanti per i pesci. Di fronte all’aumento delle temperature, è imperativo che gli scenari climatici siano presi in considerazione nelle decisioni di ingegneria idraulica, nella gestione amministrativa e nelle pratiche di conservazione delle associazioni di pesca. Il progetto sostiene questo importante passo avanti e contribuisce così alla conservazione del pesce locale.

Obiettivi

  • In futuro, l’ingegneria idraulica terrà conto anche dei fattori di acqua bassa, piene invernali e temperatura dell’acqua, che sono importanti per la sopravvivenza dei pesci.
  • Le autorità cantonali sono a conoscenza delle misure per la conservazione delle specie ittiche dominanti e le applicano.
  • Le associazioni di pesca concentrano le loro pratiche di conservazione su misure efficaci e adeguate al clima.
  • Da vittime, i partecipanti diventano partecipanti.

Attuazione

  • Analisi dei portatori di interesse e diversi workshop con i gruppi interessati.
  • Se necessario, formazione di gruppi di lavoro e lavoro sul terreno.
  • Accompagnamento scientifico.
  • Rapporti finali, eventi informativi, trasferimento di conoscenze, diffusione.

Prodotti (output) attesi

  • Rapporti sui workshop.
  • Guida pratica alla conservazione delle specie ittiche dominanti.
  • Guida su come procedere quando le specie ittiche dominanti scompaiono.
  • Raccomandazioni per le prassi di gestione amministrativa e alle associazioni di pesca.
Titolo del progetto

Trockenheit, Wärme, Winterhochwasser – Fischerei und Wasserbau im (Klima-)Wandel (F.09)

Area interessata:

cantoni di Argovia, Basilea Campagna, Berna, Friburgo, San Gallo, Uri

Durata: 

novembre 2018 – dicembre 2021

Ente promotore:

Centro svizzero di competenza pesca CSCP

Accompagnamento: 

Ufficio federale dell’ambiente UFAM

Contatto

Adrian Aeschlimann
direttore
a.aeschlimann@skf-cscp.ch
Tel. +41 31 330 28 07  

Stampare contatto

https://www.nccs.admin.ch/content/nccs/it/home/provvedimenti/programma-pilota-adattamento-ai-cambiamenti-climatici/projektephase2/pilotprojekte-zur-anpassung-an-den-klimawandel--cluster-Sensibilisierung/f.09-opere-idrauliche-nel-rispetto-della-fauna-acquatica.html