Il clima oggi

I maggiori quantitativi di precipitazione si osservano nelle Alpi bernesi, urane e glaronesi. Le valli intralpine sono per contro tra le regioni più asciutte della Svizzera. Alle quote più elevate i giorni di gelo sono possibili durante tutto l’anno.

Temperatura

Nelle valli più elevate, dove si formano spesso laghi d’aria fredda, le temperature sono frequentemente molto più basse rispetto alla media svizzera per le rispettive quote. Nelle valli toccate dal favonio e in quelle che godono spesso di una forte radiazione solare, le temperature sono tuttavia superiori alla media. Ad alta quota le gelate si possono verifi care sull’intero arco dell’anno, mentre alle basse quote si registrano anche giorni estivi.

Precipitazioni

La distribuzione delle precipitazioni è molto complessa. I maggiori quantitativi si trovano nelle Alpi bernesi, urane e glaronesi; quelli minori nelle valli intralpine. Il ciclo stagionale è spesso contraddistinto da valori massimi in estate ed è particolarmente marcato in Engadina. In Vallese l’andamento è caratteristico con grandi quantitativi di precipitazioni sulle vette e quantitativi esigui nelle valli adiacenti. In inverno la neve è quasi sempre presente salvo nelle valli più basse. Temporali, fulmini e grandine sono più rari che nelle Prealpi.

Particolarità

La radiazione solare è relativamente elevata su tutto l’arco dell’anno; i valori massimi si rilevano nelle valli intralpine riparate del Vallese e dell’Engadina. Sulle vette le velocità dei venti sono le più elevate a livello nazionale, ma possono anche essere molto contenute nelle zone riparate dai venti. Le condizioni climatiche variano sensibilmente da una zona all’altra anche in aree ristrette ed è spesso diffi cile stabilire regole generali. A dipendenza della grandezza climatica considerata, vi sono in parte grosse differenze tra Vallese, Alpi centrali, Alpi orientali ed Engadina.

Fonte: Scenari climatici per la Svizzera – una panoramica regionale, Rapporto tecnico MeteoSvizzera No. 243, su mandato dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

Scenari climatici CH2018 Alpi

Se le emissioni globali di gas a effetto serra continueranno ad aumentare senza freno, a partire dalla metà del XXI secolo nelle Alpi si osserverà il maggiore riscaldamento di tutta la Svizzera, pari a circa 2 - 4 °C. Le precipitazioni invernali probabilmente aumenteranno, ma a causa dell’aumento delle temperature esse si verificheranno vieppiù sotto forma di pioggia anziché di neve. A seguito di ciò, il numero di giorni con neve nuova diminuirà.

Link

Ultima modifica 11.12.2018

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera
Operation Center 1
Casella postale 257
CH-8058 Zurigo-Aeroporto

Scenari climatici
Andreas Fischer

Contatto

Stampare contatto

https://www.nccs.admin.ch/content/nccs/it/home/regionen/grossregionen/alpen/klima-heute-alpen.html